Mutuo per acquisto prima casa: il Sud premia il tasso fisso

mutuo tasso

Il mutuo prima casa si conferma anche in questo inizio 2017 il più gettonato dagli italiani.Esso è un particolare prestito ipotecario rivolto a coloro che ancora non sono proprietari di un immobile, ma che desiderano diventarlo ed è senza ombra di dubbio la tipologia di mutuo più diffusa in Italia.

Le condizioni del mutuo prima casa

Per prima cosa, prima di richiedere un mutuo prima casa, è necessario avere in mente quale tipo di immobile acquistare così da sapere con precisione quale cifra si andrà a richiedere in banca. Generalmente la banca per il mutuo prima casa copre fino all’80% del valore dell’immobile.

Esistono delle agevolazioni per chi decida di comprare la prima casa accedendo al mutuo; il Governo infatti ha riconfermato per il 2017 il Fondo Mutui Giovani Coppie, nato solo nel 2011. È un finanziamento pensato appositamente per le giovani coppie, non per forza sposate, ma semplicemente coppie di fatto, che decidano di fare il grande passo e acquistare un immobile, ma che convivino da almeno tre anni e non superino i 35 anni di età. L’agevolazione tuttavia è rivolta ovviamente anche ai giovani single. Con questo fondo, in tempi di crisi, disoccupazione e precarietà del lavoro, anche chi non è assunto a tempo indeterminato può richiedere il mutuo avvalendosi della garanzia statale sul 50% della quota capitale del finanziamento richiesto per l’acquisto dell’immobile che sarà la prima casa. È possibile accedere alle agevolazioni fiscali previste per la prima casa dichiarando, nei 18 mesi dal rogito, che la residenza verrà stabilita nel comune dove si trova la casa da acquistare.

La scelta del tasso: il Sud premia quello fisso 

Quando si decide di richiedere un mutuo ad una banca, se ne stabiliscono le condizioni e una delle prime e più importanti scelte da fare è se stipulare un mutuo a tasso fisso o tasso variabile. A guardare le statistiche pare che gli italiani preferiscano il tasso fisso e che questa tendenza sia più evidente al sud. Il tasso fisso ha l’indubbio vantaggio di mantenere costante l’importo della rata per tutta la durata del mutuo prima casa ed è generalmente indicato per chi prevede di avere nel tempo un reddito costante. In questo particolare momento del mercato, anche la maggior parte dei mutui surroga, e quindi non solo i nuovi mutui prima casa, si rivolge al tasso fisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *