QUALE RESISTENZA SCEGLIERE PER PRODURRE LA VOSTRA BIRRA?

Quando si parla di impianti elettrici per produrre birra, molto spesso, la maggior parte delle persone tendono a fare riferimento alle resistenze a bassa densità di potenza. Ma cosa sono esattamente? Facciamo un po’ di chiarezza al riguardo:

La resistenza sia che venga utilizzata nel mash o in bollitura si trova a contatto con il mosto. A differenza con l’acqua ad esempio, il mosto contiene zuccheri e altri elementi organici. Quest’ultimi se vengono collocati a contatto con un calore eccessivo rischiano di bruciarsi. E allora la domanda è: cosa bisogna fare al riguardo?

Acquistare una resistenza a bassa densità di potenza così si evitano probabili bruciature o un eccessivo imbrunimento.

Purtroppo non è facile capire quali sono le resistenze con tale caratteristiche, perché molto spesso alcuni produttori omettono tale dicitura e di conseguenza si rischia di prendere una resistenza piuttosto che un’altra.

E allora, cosa occorre fare?

Prima di tutto è consigliabile evitare di acquistare resistenze a casaccio solo perché sono economiche, ma è necessario contattare l’azienda che le produce e chiedere maggiori informazioni in merito.

Che tipo di materiale prediligere?

Questo è un altro quesito che moltissime persone si pongono prima di decidere di acquistarle.

Sicuramente e in questo caso, l’acciaio inox è il miglior materiale da prediligere e da utilizzare a contatto con il mosto, perché è resistente non solo all’acidità ma anche alla corrosione.

Utilizzare un elemento in rame una volta di tanto in tanto per produrre qualche litro di birra può essere anche una buona soluzione. Ad ogni modo per poter andare su un acquisto sicuro ed efficace l’acciaio inox è un materiale ad alta resistenza, quindi non sbaglierete!

E per quanto riguardano invece i watt? Quanti ne occorrono?

Alcuni utilizzano la resistenza elettrica solo ed esclusivamente per il mash, altri invece utilizzano 2 resistenze diverse una per il mash e l’altra per la bollitura, e altri ancora invece, usano la stessa resistenza sia per mash che per la bollitura.

Per far bollire ad esempio 25 litri di mosto, occorre una resistenza di 2000W. Una resistenza di 2500W potrebbe essere molto più adatta perché sarebbe in grado di portare molto velocemente l’acqua a temperatura di mash e in seguito il mosto in bollitura.

Al contrario, utilizzando una resistenza di 500W ci potrebbe volere troppo tempo per portare l’acqua di mash a temperatura.

Per quanto riguardano i consumi, essi non sono tanto elevati erroneamente a quanto ci si pensa. Infatti per un’ora di bollitura e con una resistenza da 2000W è stato appurato che si potrebbe spendere meno di 1€, questo, nel caso peggiore che il costo dell’energia è pari a 0,44 € al kw/h.

Se volete avere maggiori informazioni in merito e procedere con un acquisto rapido e sicuro al 100% affidatevi solo ed esclusivamente a ditte serie e specializzate nel settore. MDR Marca potrebbe essere la soluzione al vostro problema..

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi