Come iniziare a collezionare opere d’arte

la città

L’arte per molti è una vera passione, ma spesso si pensa che per collezionare delle opere di pregio bisogni per forza essere molto ricchi. Ci si accontenta quindi di visitare mostre e musei e di ammirare quadri e sculture su libri e riviste di settore.

In realtà ci sono opere di giovani artisti con prezzi più che abbordabili, inoltre è anche possibile collezionare i lavori di maestri affermati, magari concentrandosi su disegni o stampe. Se si ama l’arte del passato, le stampe di Maremagnum possono essere un’ottima soluzione. Le stampe antiche sono da sempre oggetto di un appassionato collezionismo, per il quale non servono grossi investimenti.

Proprio per rendere il collezionismo maggiormente democratico, anche tra gli appassionati d’arte, ad Artissima 2017 (Torino) i curatori João Mourão e Luís Silva hanno deciso di aprire una nuova sezione, interamente dedicata ai disegni.

Dal 2000 al 2012, il fatturato totale del mercato dell’arte è cresciuto da 2 a 12 miliardi di dollari, in particolare il fenomeno riguarda l’arte moderna e contemporanea, con una crescita che va dall’11 al 30%. Si sono aperti nuovi mercati, il pubblico dell’arte contemporanea è cresciuto e il collezionismo si è esteso a nuovi soggetti.

Da un lato abbiamo le aste, spesso impegnative sul fronte economico, dall’altro la possibilità di acquistare direttamente in galleria o in siti web di settore anche opere grafiche dal notevole valore estetico, ma dal costo contenuto.

Il primo trimestre del 2017, sul fronte delle aste di opere d’arte ha fatto registrare una crescita del 5,3% che si traduce in scambi complessivi per circa 7 miliardi di dollari.

Collezionare opere d’arte potrebbe sembrare un’attività poco attuale, ma in realtà oggi più che mai c’è veramente molto bisogno di bellezza. Un’opera inoltre può diventare anche un sofisticato oggetto d’arredo per la nostra casa e anche un ottimo investimento economico.

Acquistando l’opera realizzata da un giovane e promettente artista non solo possiamo portarci a casa qualcosa di bello e che ci emoziona, ma possiamo anche aiutarlo concretamente a portare aventi il suo lavoro e il suo progetto di vita. Inoltre nel giro di qualche anno quell’opera potrebbe moltiplicare il suo valore.

Molti investitori guardano proprio all’arte per diversificare il proprio portafoglio. Che si tratti di disegni, stampe o pezzi più impegnativi poco importa, tutti hanno la possibilità di rivalutarsi in modo rilevante, in tempi piuttosto rapidi. L’arte contemporanea piace a sempre più persone, forse anche per questo motivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *