Acquariologia, Parrot: l’ibrido creato in laboratorio da biologi cinesi

Acquariologia

Acquariologia, Parrot: il pesce tropicale d’acqua dolce che somiglia ad un pappagallo e che viene creato direttamente in laboratorio, incanta molti appassionati acquariofili. Ecco quali sono i motivi per cui ciò accade e come è fatto

AcquariologiaIl mondo dell’acquariologia è molto ricco di tante specie che possono essere catturate, riprodotte in acquario oppure come nel caso dei Parrot creati in laboratorio attraverso vari incroci tra Amphilophus citrinellus e Paraneetroplus synspilus: inoltre sembrerebbe che a queste specie vadano aggiunti anche gli Heros severus e altri.

Il fascino dei Parrot è molto visibile in quanto essi appaiono eleganti grazie al fatto che il loro muso somiglia molto al becco di un pappagallo: quest’ibrido abita gli acquari casalinghi si dagli inizi degli anni 90 quando dei biologi cinesi lo svilupparono in laboratorio.

È importante sapere che le dimensioni di questo pesce possono raggiungere i 25 cm di lunghezza e per questo motivo il classico acquario di 80/100 l potrebbe non essere sufficiente alla sua sopravvivenza: sarebbe ottimo farlo abitare in una vasca di almeno 250 litri dotata di un ottimo filtro esterno in un quanto questa specie tende a mangiare parecchio e quindi a sporcare l’acqua maggiormente rispetto ad altri pesci appartenenti ad altre specie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi