L’Italia pensa ad un nuovo lockdown fino a Pasqua

Home / L’Italia pensa ad un nuovo lockdown fino a Pasqua

La situazione Coronavirus in Italia è abbastanza allarmante, nelle ultime settimane la curva dei contagi anche se molto lentamente sta iniziando a salire, questo anche a causa dell’arrivo di nuove varianti, in particolare quella inglese che sembra essere molto più contagiosa soprattutto tra i ragazzini.
Molte regioni da questa mattina saranno in fascia rossa, non ci si potrà muovere se non per esigenze di lavoro o di salute, queste drastiche decisioni sono state prese al fine di non affollare di nuovo, le strutture sanitarie, che iniziano a non avere più posti letto disponibili.
Il  governo sta pensando di mettere in atto una nuova strategia.

Nel tardo pomeriggio è prevista una riunione davvero importanti tra alcuni esponenti del governo, a presiedere ci sarà Mario Draghi, poi il Ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro per gli affari regionali Mariastella Gelmini, il capo del Comitato Tecnico Scientifico Agostino Miozzo e il nuovo commissario per l’emergenza Covid-19 Giuseppe Figliuolo, il tema centrale sarà l’istituzione di un lockdown nazionale fino alle festività Pasquali.
Si discuterà sul coprifuoco, possibile anticipo di due o tre ore , rispetto all’orario vigente.
Dopo l’incontro, il Premier italiano conferirà i fatti alla maggioranza per decidere insieme quale strategia usare.

L’idea di un lockdown generalizzato dovrebbe innanzitutto far calare velocemente il numero di positivi ed isolare finalmente queste varianti tanto pericolose, e poi consentirebbe di accelerare i tempi per la campagna vaccinale.
A proposito di vaccini, finalmente arrivano buone notizie, in arrivo circa 9 milioni di dosi entro fine mese e dal 1° aprile e per i prossimi tre mesi dovrebbero arrivarne circa 17 milioni al mese.
Si lavora anche alla chiusura delle attività commerciali almeno nelle città in cui vige la zona rossa.
In tarda serata dovrebbero esserci informazioni più precise a riguardo, gli italiani sperano solo di ritornare a vivere una vita normale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi