Category Archives: news

Home / news
518 Posts

Il grave incidente verificatosi questa mattina a Capri ha un bilancio di una vittima e 27 feriti. La vittima, l’autista del minibus precipitato nel vuoto per diversi metri, é Emanuele Melillo e aveva 33 anni. Era un ausiliario della Croce Rossa Italiana e, precisamente, era iscritto nei ruoli dei sottufficiali, con il grado di milite, dal 2011. Il magistrato di turno della provincia di Napoli si é recato tempestivamente sul posto e sta lavorando, insieme alla Polizia di Stato dell’isola, per stabilire la dinamica dell’incidente. Dalla prima ipotesi sembra che l’autista abbia avuto un malore che ha provocato la sterzata improvvisa. Questa é solo un’ipotesi, le cause dell’incidente devono essere accertate e la morte dell’autista del minibus saranno chiarite attraverso l’autopsia.

 

Una vittima e 27 feriti: questo é il bilancio dell’incidente verificatosi stamattina a Capri. Il minibus del trasporto pubblico é precipitato nella zona della spiaggia libera di Marina Grande, non lontano da uno stabilimento balneare. Ferite lievemente le persone che non si trovavano sul minibus ma che sono state colpite da detriti provocati dall’incidente. In condizioni più gravi invece sono i passeggeri dell’autobus di linea.

 

A raccontare l’accaduto é Giuseppe, accorso sul luogo del disastro: “E’ qualcosa che difficilmente dimenticherò – racconta all’ANSA – specialmente la scena del ragazzino, avrà avuto 15/16 anni, che strillava dal dolore mentre lo fissavano sulla barella dopo averlo estratto dal pullmino. Un’immagine che, non lo nego, mi ha messo ko. Attorno tanta gente richiamata dalle urla e dal tonfo del sinistro”. “Una tragedia così – prosegue il giovane – da queste parti non me la ricordo. Il pullman è rotolato fino ad andare a impattare contro le cabine doccia dello stabilimento, in quella cunetta che fa da spartiacque tra la spiaggia libera e il vicino stabilimento privato. Ancora un metro è il bilancio sarebbe stato ancora più pesante. C’era tanta gente a farsi il bagno – ricorda – specie oggi con una giornata estremamente calda”.

Negli ultimi giorni si sta discutendo, a livello nazionale, dell’importanza di introdurre l’obbligo vaccinale per i docenti e al personale Ata. Il Governo temporeggia perché bisogna valutare se la percentuale di docenti e personale Ata che mancano all’appello faccia parte della categoria che preferenzialmente non ha preso parte alla campagna vaccinale o sia ascrivibile all’interruzione della somministrazione di Astrazeneca. Sta di fatto che la discussione sull’eventuale obbligo e le modalità di vaccinazioni sono prese in considerazione in vista dell’inizio della scuola in presenza. Di seguito riportiamo l’intervista ad Alfonso D’Ambrosio, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Vo Euganeo.

Per quanto riguarda l’obbligo vaccinale: “per capire meglio questo fenomeno occorre fare una premessa importante. Ovvero, bisogna dare tempo per capire bene il fenomeno. In questo periodo dunque continuare a dire ai docenti e personale Ata, vaccinatevi. Fra due settimane inizierei a discutere sulla base dei numeri. Tutto ciò porta altre conseguenze. Ma una volta avuto il quadro reale e completo si potrà decidere. C’è una sentenza della corte Costituzionale del 2018 in cui si spiega i casi in cui non si possono vaccinare alcune persone. Ma lo Stato deve informare sull’iter. E soprattutto l’obbligo di vaccinarsi è dettato da aspetti importanti e scatta in presenza del 95% del picco di pandemia. L’obbligo vaccinale può dunque essere introdotto in casi come questi in cui c’è la necessità di farlo“.

“L’altro aspetto è culturale, c’è un grosso numero di insegnanti novax, che esprime molta perplessità nei confronti dei vaccini. Questo fa riflettere perché a scuola chiediamo per i nostri studenti la cittadinanza digitale ma poi non la pratichiamo. Dovremmo insegnare a non seguire le fake news. Nel momento in cui il numero degli insegnanti non vaccinati superi il 5%, in base alla sentenza della Corte Costituzionale,  occorre chiedersi se ha senso l’obbligo o eventuali limitazioni. Secondo me l’obbligo vaccinale dovrebbe essere disciplinato per i lavoratori che si trovano in contatto con il pubblico“

Il presidente Massimiliano Fedriga ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle province autonome per oggi, Martedí 20 Luglio alle ore 15. “L’andamento della campagna di vaccinazione consente di aggiornare gli indicatori a cui si legano l’assegnazione dei colori alle diverse zone e le conseguenti misure di restrizione”. Questo é quello che ha dichiarato al termine della conferenza delle Regioni il Presidente Massimiliano Fedriga. Un tema discusso durante la Conferenza riguarda le ulteriori misure di prevenzione che vedono l’obbligo del Green Pass maggiormente esteso. Lo scopo é quello di prevenire ulteriori chiusure e garantire l’apertura per quei settori che sono ancora impossibilitati nell’esercitare la propria attività.

I governatori chiedono di introdurre l’obbligo di accesso con il green pass per accedere a discoteche e grandi eventi solo al fine di permettere, almeno nella fase attuale, la riapertura di queste attività ancora chiuse. Green Pass obbligatorio per entrare nei ristoranti solo per le regioni o per le province delle zone a maggior rischio per evitare che si abbiano drastiche chiusure al di fuori della zona bianca. L’uso obbligatorio del Green Pass nei ristoranti e nei locali al chiuso riguarda le aree etichettate come zona gialla o zona di rossa, esenti le aree della zona bianca che bisogna preservare con cautela.

Durante la Conferenza sono stati trattati anche i parametri per l’assegnazione dei profili di rischio. Le proposte che sono state avanzate durante la Conferenza tenutasi oggi, Martedì 20 Luglio, sono le seguenti: maggiore flessibilità nel valutare i parametri per l’assegnazione  delle fasce a maggior rischio nelle piccole Regioni, impostare a 150 tamponi  il numero minimo di test da effettuare ogni giorno ogni centomila abitanti, considerare il numero totali dei vaccinati (che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino) nelle Regioni, ridurre il numero delle zone da 4 a 3. Affinché si rimanga nella zona bianca é auspicabile che si raggiunga massimo il 15% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva e massimo il 20% nei reparti ordinari.

Diana Frances Spencer é stata consorte di Carlo, principe di Galles ed erede al trono del Regno Unito, dal 1981 al 1996. Dopo circa 40 anni dalle nozze dei due reali é stato risolto il mistero riguardo il doppio bouquet di Lady Diana. Durante il matrimonio tra il principe Carlo e lady Diana Spencer, nel lontano 29 luglio 1981, la principessa attraversò la navata della cattedrale con il suo abito in taffetà di seta avorio e il suo bouquet di gardenie bianche, orchidee e mughetto. Stando a quanto detto da MailOnline Lady Diana chiese ai fioristi ben due bouquet uguali. Questo era successo già con la regina Elisabetta.

 

Parla il fiorista David Longman: “Era molto facile da trattare. Non era particolarmente esigente. Era sempre affascinante”. Il fiorista però aggiunge un dettaglio inedito che svela il retroscena di quel mistero rimasto irrisolto fino ad ora: “Se guardi bene le fotografie del matrimonio della principessa Elisabetta, ti accorgerai che la grande fotografia con tutte le damigelle, tutte portano un bouquet, tranne la sposa. La principessa aveva chiesto infatti che il suo bouquet fosse messo sulla tomba del Milite Ignoto”. Da qui dunque la richiesta di avere due mazzi di fiori. “Quindi – prosegue chi ha seguito direttamente la scelta di Lady Diana- ne avevamo uno che è andato direttamente sulla tomba e l’altro che è stato consegnato a Buckingham Palace pronto per le fotografie”.

 

Al matrimonio dei reali oltre al bouquet doppio c’era di doppio anche il vestito di Lady Diana. David ed Elizabeth Emanuel, gli stilisti che si sono occupati dell’abito della principessa per il giorno del suo matrimonio, pensarono di creare due abiti diversi nell’evenienza che uno dei due vestiti venisse reso noto pubblicamente prematuramente. David chiarisce: “All’epoca volevamo essere assolutamente sicuri che il vestito fosse una sorpresa. Non l’abbiamo provato su Diana. Non ne abbiamo mai nemmeno discusso. Volevamo assicurarci di avere qualcosa lì; era per la nostra tranquillità, davvero”

Appena 48 ore dopo la vittoria dell’Italia agli Europei è arrivato il fatidico sì di Federico Bernardeschi, attaccante della Juventus e della Nazionale. Federico Bernardeschi ha aspettato all’altare la donna della sua vita e madre delle due bambine, Leva e Deva. Il campione Europeo si è sposato con l’ex gieffina Veronica Ciardi, di 36 anni, nella sua amata Carrara, paese di origine verso cui è rimasto fedele. All’uscita della chiesa numerosi fans cantavano l’inno alla vittoria, incitati dal campione che sosteneva il coro.

 

Proprio nel giorno del matrimonio scoppia una lite sui social che vede come protagonista Sarah Nile. Le due giovani ragazze hanno partecipato al Grande Fratello10 dove avevano instaurato un rapporto profondo sfociato poi in un’amicizia che sembrava stessero coltivando lontano dai riflettori. Infatti non passò inosservata la presenza di Veronica al matrimonio di Sarah. Ma in occasione del suo matrimonio, Valentina a quanto pare non invita l’amica (o ex amica) Sarah Nile. Le parole di Sarah sui social innescano una polemica proprio il giorno del matrimonio dei coniugi.

 

“Ritendo sia giusto spendere due parole, soprattutto per quelle persone che ad oggi continuano a chiedere, a voler capire. In questi 11 anni ci sono stati tanti alti e bassi, tenuti insieme da un filo che fino ad oggi -almeno da parte mia- non si era mai spezzato“. Introduce così lo sfogo contro Veronica, rivelando con estrema verità e verità di non conoscere il motivo per il quale non partecipa al matrimonio. “Ho sempre protetto, ho sempre tentato di capire, ho sempre sorvolato, ho sempre rispettato..Oggi ci sono io, la mia famiglia e il mio benessere che sono le cose più importanti. Vorrei solo cose benne ed evitare dispiaceri inutili. Per tutto questo metto un punto e mi fermo qui”. Così Sara Nile decide di mettere un punto pubblicamente a questa amicizia. Veronica sembra aver smesso di seguire l’ex amica sui social.

Arriva la notizia che tutti stavano aspettando dopo la dichiarazione della pandemia globale di Marzo 2020: a Bologna si terrà il primo concerto d’Italia tenuto da Cosmo ed Estragon. Questa è sicuramente una notizia che ha il sapore della normalità e della speranza che la musica possa ritornare dal vivo senza restrizione. E’ importante che tutto riparta rimanendo conformi alle indicazioni messe a punto per la tutela di tutti. Per questo motivo la partecipazione al concerto sarà possibile solo se si è in possesso del Green Pass, quindi se si è vaccinati, oppure in presenza del risultato di un tampone rapido fatto entro le 48 ore.

 

Stiamo facendo una cosa che in Italia non ha mai fatto nessuno – spiega Cosmo -. Abbiamo scelto Bologna perché ci sono le strutture adatte e abbiamo ricevuto il supporto organizzativo che una cosa del genere comporta”. Non si tratta di un tour ma di due date, l‘1 e il 2 Ottobre. I due concerti si terranno all’Arena Strummer di Parco Nord, sotto a un grande tendone circense allestito per l’occasione, aperto ai lati per favorire il riciclo dell’aria.

 

L’artista electro-pop terrà i primi due live in Italia senza limiti di capienza né distanziamento, con posti in piedi. “Non tutti i concerti sono fatti per essere fruiti da seduti, non tutti i generi musicali si possono esprimere in quella modalità e per tanti artisti che hanno ricominciato ce ne sono tanti altri ancora fermi – spiega Emiliano Colasanti dell’etichetta 42 Records -. Abbiamo deciso di provarci e con noi Cosmo, che si muove a cavallo tra il mondo della musica dal vivo e del clubbing, uno degli ambiti più danneggiati dalla pandemia e strumentalizzati dalla politica”. Per Cosmo è doveroso tornare a ballare in questa “prima festa dell’amore”, così ha definito questo concerto. Si tratta di una sperimentazione che potrebbe portare alla conferma che si può ritornare ai grandi eventi, che tramite tali formule o misure adottate si possa fare musica.

Sfila sul red carpet al Festival di Cannes Bella Hadid con un abito provocante ma indossato con un’eleganza innata. All’arrivo della modella statunitense i fotografi sono stati catturati dalla bellezza maestosa della donna, tutti i flash erano per lei e ciò non poteva essere altrimenti considerato il look scelto. Bella Hadid appare con Carla Bruni in tutta la loro iconicità: al festival le abbiamo viste insieme, prima di calcare il tappeto rosso, complici e affiatate. Bella indossa un completo Dior con corpetto e pantaloni oversize a vita bassa, mentre Carla sfoggia un vestito di paillettes firmato Celine.

 

Per la serata la modella statunitense Bella Hadid ha scelto un abito originale di Schiaparelli, della collezione haute couture autunno-inverno 2021. E’ un abito nero, alle caviglie, con le maniche lunghe e stringato sulla schiena. E’ un abito semplice, che veste un corpo delicato e fine, ma la particolarità sta nella scollatura: un profondo scollo rotondo lascia il seno completamente nudo. A coprire, non del tutto, il decolté luccica sul corpo della donna una collana a catena lunga che termina proprio sulla parte anatomica esposta della donna con un grande albero bronchiale. Il gioiello in oro contribuisce a rendere sexy l’outfit della bella modella, che sfila sul red carpet con maestria e con una sensualità provocante e disarmante.

 

  • Bella Hadid esce allo scoperto con il nuovo fidanzato: è stata proprio lei a pubblicare su Instagram degli scatti in cui appare vestita di Burberry nelle braccia del suo uomo. In Francia per il Festival di Cannes e la Fashion Week la modella ha pubblicato online una foto di sé che fa intendere che non fosse sola, ma in compagnia di quello che i fan credono essere Marc Kalman, di professione art director. Se confermata, la relazione sarebbe la prima dal 2019, anno in cui ha detto addio a The Weeknd.

I decessi odierni sono 25 (ieri sono stati 13), per un totale di 127.756 vittime da febbraio 2020. Le persone guarite o dimesse sono complessivamente 4.099.339 e 1.434 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri 1.749). Gli attuali positivi — i soggetti che hanno il virus — risultano essere in tutto 41.396, pari a -73* rispetto a ieri (-371 il giorno prima). I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 196.922, ovvero 22.070 in più rispetto a ieri quando erano stati 174.852. Mentre il tasso di positività è 0,7%. Ieri era 0,8%, sotto l’1% dal 15 giugno. Sono 1.390 i nuovi casi di coronavirus in Italia, ieri sono stati 1.394. Contagi in linea, da giorni si assestano a questi numeri.

 

Pochi contagi in meno, la curva torna a scendere come di consueto nel weekend. Ci sono più regioni che hanno iniziato una ricrescita dei contagi», spiega Silvio Brusaferro, presidente dell’Iss. L’infezione tende a colpire sempre più l’età giovane, parliamo di un’età media di 31 anni, per chi contrae l’infezione. Anche la media dei ricoveri si abbassa e si assesta sui 55 anni. Se continua questo trend, chiudiamo già a fine agosto», dice Vincenzo De Luca, il presidente della Campania. La Campania registra oggi +226 casi. La Lombardia è la regione con più contagi nelle ultime 24 ore. 230 nuovi casi registrati, per colpa di un focolaio.

 

Le dosi di vaccino somministrate sono oltre 56 milioni. I cittadini che hanno ricevuto la seconda dose sono più di 22,4 milioni. Le ospedalizzazioni continuano a diminuire. Nei reparti Covid ordinari sono -30 (ieri -37), per un totale di 1.167 ricoverati. I posti letto occupati in terapia intensiva sono in diminuzione e molte regioni hanno registrato 0 nuovi casi in terapia intensiva. In tutta Italia infatti, sono solo 8 i nuovi casi gravi che hanno richiesto l’ospedalizzazione. I vaccini stanno funzionando, proteggendo le categorie più a rischio che sono ormai coperte con entrambe le dosi di vaccino. Oltre l’85% degli over 70 ha ricevuto la prima dose.

Daddy è senza dubbio il concorrente che è cresciuto di più all’interno della scuola di Amici nell’ultima edizione del talent show ideato e condotto da Maria De Filippi. Ha fatto un percorso di crescita artistico che gli ha permesso di conquistare tanti successi, come dischi d’oro e dischi di platino, nonché il riconoscimento artistico da parte di molte figure importante nel mondo della musica. Accanto al percorso formativo, Daddy è stato protagonista della storia d’amore con la ballerina Rosa Di Grazia. I momenti vissuti insieme sotto i riflettori del talent show hanno fatto sognare tutti gli amanti del programma.

Lei ballerina, lui cantante, si sono stretti per mano e hanno affrontato insieme il percorso artistico costruendo un rapporto speciale e intimo. La loro relazione è nata sotto i riflettori del talent, si sono sfidati ma sempre ballando e cantano l’uno per l’altra: purtroppo la loro storia d’amore è giunta al termine subito dopo la fine del programma. Infatti, su Tik tok e sugli altri social, sembrerebbe proprio che due abbiano smesso di seguirsi a vicenda e ciò denota ancor di più come si sia giunti alla fine definitiva del loro rapporto.

Nelle ultime ore si starebbe parlando di un avvicinamento tra Daddy e un’ex concorrente della scuola di Amici di Maria De Filippi. Daddy è stato visto in compagnia di Emma Muscat, cantante dell’edizione vinta da Irama. Emma è stata più volta protagonista di gossip su questioni amorose. Ha conosciuto il cantante rapper Biondo all’interno della scuola di Amici con cui ha instaurato un rapporto di intesa sin da subito fino a diventare una coppia. La loro storia è giunta al termine per il tradimento da parte di lei con Federico Rossi, ex di Paola Di Benedetto. Non si può ancora affermare che tra Emma e Daddy ci fossero intese particolari ma non si può escludere l’eventuale avvicinamento.

Port Au Prince, 7 luglio 2021, un agguato da parte di militari estremisti uccide il presidente haitiano. Alcuni di loro parlavano spagnolo, hanno fatto irruzione nella residenza del presidente e gli hanno tolto la vita con armi da fuoco. La First lady, inizialmente data per assassinata insieme al presidente, è in gravi condizioni ma viva. Il tutto è accaduto nella notte, precisamente all’una (ore 7 italiane). La first lady di Haiti si trova in gravi condizioni in un ospedale di Port-au-Prince e si sta organizzando il suo trasporto all’estero, a Miami probabilmente, secondo quanto ha riferito l’ambasciatore di Haiti , Smith Augustin, in una conferenza stampa tenuta a Santo Domingo in cui ha fatto il punto sulla situazione nel Paese e ha rettificato le prime informazioni dell’accaduto.

 

Ora il paese è in mano a Claude Joseph che ha descritto l’accaduto come un atto barbaro e di puro odio. Joseph, ha dichiarato lo stato d’assedio nel Paese. Lo ha annunciato lui stesso in un messaggio televisivo, in cui è apparso al fianco del capo della polizia, Leon Charles, e di altre autorità, dopo aver presieduto un Consiglio dei ministri straordinario. I militari hanno affermato di essere agenti della Dea statunitense, secondo quanto risulta da un video ripreso da persone che si trovavano nella residenza. Un funzionario di stato haitiano ha smentito che possa essersi trattato di agenti della Dea, ed ha assicurato che i militari fosse sicuramente mercenari.

 

L’omicidio arriva dopo mesi di violenze e scontri da parte di ribelli e la polizia di stato.  “Siamo scioccati e rattristati nel sentire dell’orribile assassinio del presidente di Haiti Jovenel Moise e dell’attacco alla first lady Martine. Condanniamo questo atto odioso” afferma un membro del consiglio molto vicino al presidente. La first Lady è stata trasferita a Miami in un ospedale del posto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi