Funivia Mottarone, arriva la svolta: il guasto è stato ignorato.

Home / Funivia Mottarone, arriva la svolta: il guasto è stato ignorato.

Omicidio colposo plurimo, disastro colposo e rimozione degli strumenti atti a prevenire gli infortuni aggravato dal disastro e lesioni gravissime. Queste le accuse che hanno portato, nella notte, ai tre fermi. A essere coinvolti sono Luigi Nerini, amministratore della società Ferrovie del Mottarone che gestisce la funivia, Gabriele Tadini, direttore del servizio, ed Enrico Perocchio, caposervizio. Secondo l’ipotesi accusatoria, i tre fermati avrebbero acconsentito a lasciare il forchettone in posizione tale da non causare blocchi alla funivia e non interrompere il servizio. Il trasporto quindi, avveniva senza le dovute precauzioni. Con il “fochettone” al suo posto, la funivia si sarebbe fermata a causa del blocco di emergenza.

 

Nella manutenzione effettuata agli inizi di maggio, il problema sarebbe stato solo in parte risolto e i tre, per evitare ulteriori interruzioni del servizio, avrebbero agito impedendo al freno di emergenza di funzionare regolarmente. Secondo il procuratore questo comportamento è sconcertante. Per molto tempo i tre responsabili avrebbero preferito continuare a mettere a rischio i passeggeri, piuttosto che intervenire più radicalmente e risolvere il problema. La manutenzione ovviamente, avrebbe richiesto del tempo e il servizio sarebbe stato interrotto. Il cavo trainante, infatti, è considerato l’innesco della tragedia sulla funivia del Mottarone.

 

Il procuratore di Verbania Olimpia Bossi, commenta con parole forti: ”Si tratta di un comportamento molto sconcertante, consapevole dei rischi, si è preferito il guadagno alla sicurezza delle persone che utilizzavano la funivia”. Le casse dell’impianto erano state già messe a dura prova a causa delle misure imposte dall’emergenza sanitaria nazionale. In questo periodo l’impianto è stato chiuso, aggravando la situazione, un’ulteriore chiusura per via della manutenzione straordinaria non avrebbe permesso di riprendere il servizio ma avrebbe scongiurato la morte di molte persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *