Richiesto l’obbligo del green pass dai governatori.

Home / Richiesto l’obbligo del green pass dai governatori.

Il presidente Massimiliano Fedriga ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle province autonome per oggi, Martedí 20 Luglio alle ore 15. “L’andamento della campagna di vaccinazione consente di aggiornare gli indicatori a cui si legano l’assegnazione dei colori alle diverse zone e le conseguenti misure di restrizione”. Questo é quello che ha dichiarato al termine della conferenza delle Regioni il Presidente Massimiliano Fedriga. Un tema discusso durante la Conferenza riguarda le ulteriori misure di prevenzione che vedono l’obbligo del Green Pass maggiormente esteso. Lo scopo é quello di prevenire ulteriori chiusure e garantire l’apertura per quei settori che sono ancora impossibilitati nell’esercitare la propria attività.

I governatori chiedono di introdurre l’obbligo di accesso con il green pass per accedere a discoteche e grandi eventi solo al fine di permettere, almeno nella fase attuale, la riapertura di queste attività ancora chiuse. Green Pass obbligatorio per entrare nei ristoranti solo per le regioni o per le province delle zone a maggior rischio per evitare che si abbiano drastiche chiusure al di fuori della zona bianca. L’uso obbligatorio del Green Pass nei ristoranti e nei locali al chiuso riguarda le aree etichettate come zona gialla o zona di rossa, esenti le aree della zona bianca che bisogna preservare con cautela.

Durante la Conferenza sono stati trattati anche i parametri per l’assegnazione dei profili di rischio. Le proposte che sono state avanzate durante la Conferenza tenutasi oggi, Martedì 20 Luglio, sono le seguenti: maggiore flessibilità nel valutare i parametri per l’assegnazione  delle fasce a maggior rischio nelle piccole Regioni, impostare a 150 tamponi  il numero minimo di test da effettuare ogni giorno ogni centomila abitanti, considerare il numero totali dei vaccinati (che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino) nelle Regioni, ridurre il numero delle zone da 4 a 3. Affinché si rimanga nella zona bianca é auspicabile che si raggiunga massimo il 15% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva e massimo il 20% nei reparti ordinari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi